Piano sanitario, per la Cisl non affronta i nodi della sanità lucana

Il segretario generale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella, interviene sul piano sanitario regionale annunciato nei giorni scorsi da Pittella. Per il sindacalista “il piano non affronta quelli che vanno considerati i nodi della sanità lucana, vale a dire l’emigrazione sanitaria che toglie risorse al bilancio regionale, la scarsa attitudine ad attrarre domanda di salute dalle regioni limitrofe e la poco capillare distribuzione territoriale della medicina specialistica che impedisce la riduzione dei tempi di attesa”.

“Ancora una volta – aggiunge Gambardella – dobbiamo ribadire l’ovvio, ovvero che il fulcro del nuovo piano sanitario devono essere i cittadini con i loro bisogni differenziati di salute dentro un contesto pesantemente condizionato dalle dinamiche demografiche. Spopolamento e invecchiamento impongono una visione radicalmente nuova del tema, quella visione che in questo piano facciamo fatica a cogliere. Non comprendere questo aspetto – conclude il segretario della Cisl – vuol dire consegnare la sanità lucana a un futuro fatto di incertezza sul piano finanziario e di irrilevanza sul piano della qualità”.