Ferrosud, proclamato lo stato di agitazione

È saltato l’incontro in programma oggi a Matera sul caso Ferrosud. Lo hanno comunicato nel pomeriggio le segreterie territoriali di Fim, Fiom e Uilm che hanno tenuto un presidio con due ore di sciopero sotto la sede materana di Confindustria. “L’azienda – si legge in una nota diffusa dai sindacati – non ha ritenuto opportuno di tenere l’incontro ma ha rimandato tutto ad un prossimo tavolo da tenersi in Regione Basilicata”. Sindacati, Rsu e lavoratori si dichiarano “stanchi di questa situazione a dir poco confusa; c’è bisogno di chiarezza” e ritengono che “il tavolo deputato a dirimere tale situazione è il ministero dello Sviluppo economico. Bisogna che tutti insieme, segreterie nazionali e istituzioni locali, facciano pressioni affinché il ministro Di Maio convochi immediatamente un tavolo per capire realmente se ci sono le condizioni affinché Ferrosud, che è un’azienda storica del settore ferroviario, possa continuare ad esistere”. Al termine dell’ennesima giornata interlocutoria Fim, Fiom e Uilm hanno proclamato lo stato di agitazione permanente fino alla convocazione del tavolo e non escludono altre azioni di blocco della produzione fino al raggiungimento dell’obiettivo che è il mantenimento del lavoro in Basilicata.