In una nota congiunta le segreterie regionali di Cisl, First e Felsa si schierano a sostegno della mobilitazione dei precari di Anpal Servizi e rivolgono un appello all’assessore regionale Francesco Cupparo affinché provveda “con urgenza a predisporre misure di stabilizzazione dei lavoratori precari del settore lavoro e formazione per rafforzare l’organico esistente, al fine di garantire i livelli essenziali delle prestazioni in una terra con tali tassi di disoccupazione che richiedono un immediato piano per il lavoro e per lo sviluppo dei servizi e delle attività produttive”.

“In questa settimana tutti gli assessori al lavoro delle Regioni – si legge nella nota di Cisl, First e Felsa – saranno sensibilizzati sull’importanza del lavoro di assistenza tecnica che gli operatori da anni svolgono. Gli assessori regionali si sono impegnati ad esprimere nei prossimi giorni una nuova presa di posizione pubblica a favore della tutela contrattuale. Dotare l’assistenza tecnica di Anpal Servizi di una pianta organica stabile è il presupposto fondamentale per garantire i diritti agli utenti dei centri per l’impiego, ai disoccupati, ai beneficiari del reddito di cittadinanza e di tutte le politiche attive del lavoro”.

Per Cisl, First e Felsa “il sistema regionale del lavoro, della formazione e dell’orientamento in Basilicata è contraddistinto da carenze gravi tali da non riuscire a garantire i livelli essenziali di prestazioni, al punto che addirittura si chiudono dei centri per l’impiego per mancanza di dipendenti e quindi si interrompe un pubblico servizio”.