Sarà presentato venerdì 18 ottobre, alle ore 9:30, al Centro per la creatività Cecilia di Tito, il “Manifesto per il lavoro e per la Basilicata 2030” di Cgil, Cisl e Uil. Il documento sarà condiviso con tutti i lavoratori e le lavoratrici del sindacato al direttivo unitario che si svolgerà lo stesso giorno. Il Manifesto racchiude le valutazioni e le proposte per aprire una nuova fase di sviluppo della regione, con una visione dinamica che ponga al centro del dibattito politico e sindacale le ragioni del lavoro e dei ceti produttivi insieme ai bisogni degli strati e delle generazioni che vivono in una condizione di precarietà.

L’intendimento è di raccogliere e promuovere un confronto largo e diffuso nella comunità regionale e nel mondo rappresentato dal lavoro che approdi a un’attenzione inedita sulle cose da fare e sulle visioni di futuro della regione oltre i limiti e le contraddizioni attuali, cogliendo nuovi obiettivi di progresso e avanzamento sociale. Il documento contiene riflessioni, analisi e proposte essenziali tradotte in obiettivi e risultati attesi.

Arricchito, integrato da ulteriori apporti che deriveranno dal coinvolgimento ampio di larghi strati della realtà locale, il documento diventa una sorta di “Progetto regione ‘20-‘30” da sottoporre al confronto con il governo regionale e con istanze nazionali pubbliche e private, una base per definire nuovi programmi ed impegni realizzativi.

Al direttivo interverranno i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Basilicata, Angelo Summa, Enrico Gambardella e Carmine Vaccaro.