Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Pino Bollettino, segretario generale della Cisl Funzione Pubblica, e Nicola Labanca, segretario generale della Felsa Cisl Basilicata, in merito alla selezione pubblica per titoli per l’assunzione temporanea di personale tecnico presso Arpab.

Ci sono situazioni, di notevole urgenza e necessità, come nel caso della sorveglianza ambientale presso contesti particolarmente critici del territorio lucano, che impongono di ricorrere a soluzioni che non sono le migliori in assoluto, ma che sono le migliori possibili nelle condizioni date. Il bando di selezione pubblica per soli titoli per l’assunzione temporanea di personale tecnico presso Arpab è rispettoso dei criteri di legge e al contempo si fa carico del requisito della necessità e urgenza che la situazione impone, nelle more – è bene ricordarlo e sottolinearlo – dell’espletamento dei concorsi pubblici, che invitiamo la pubblica amministrazione ad espletare nella maniera più rapida possibile, analogamente a quanto avviene in altre regioni, pur in periodo di pandemia.

La strada dei concorsi pubblici resta la via maestra e l’unica strada legittima per l’accesso alla pubblica amministrazione, qualsiasi altra soluzione risulterebbe poco trasparente e poco regolare e sottoposta a valutazioni della Corte dei Conti che finirebbe per creare una situazione di stasi. Per questo motivo sosteniamo pienamente la scelta adottata dall’assessorato all’Ambiente e dall’Arpab, una scelta che consente di garantire innanzitutto il servizio essenziale di sorveglianza ambientale – questione di assoluta importanza – con una soluzione che permette il mantenimento temporaneo dei livelli occupazionali necessari all’espletamento della sorveglianza.

Invitiamo la pubblica amministrazione a proseguire con celerità e fermezza sia per la selezione pubblica sia per il concorso pubblico presso Arpab.