Acquedotto Lucano, la Femca Cisl si conferma prima forza sindacale nella società

La Femca Cisl si conferma prima sigla sindacale in Acquedotto Lucano. Nella tornata elettorale che si è tenuta ieri per il rinovo della rappresentanza sindacale unitaria, la federazione cislina ha raccolto il 37,72% dei voti che le consentono di confermare la pattuglia di tre delegati. Per la Femca sono stati eletti Domenico Pellettieri (il più votato che sarà anche Rls), Rocco Lamberti e Donato Quagliano. Positivo il giudizio del segretario generale Francesco Carella che ringrazia i lavoratori di Acquedotto Lucano per il consenso espresso e i candidati che si sono cimentati nella competizione elettorale.

“Questo rinnovo – commenta il sindacalista – è coinciso con una fase particolarmente travagliata della società. La difficile situazione economico-finanziaria e i problemi di natura organizzativa prodotte da gestioni che non si sono dimostrate del tutto all’altezza del compito – continua Carella – impongono un cambio di passo nella gestione di una realtà importante che gestisce una risorsa sempre più preziosa come l’acqua e che può fare affidamento su un patrimonio di competenze e professionalità che in passato non sempre è stato adeguatamente valorizzato attraverso scelte spesse arbitrarie”.

“Meritocrazia, valorizzazione delle professionalità, modernizzazione della rete sono le sfide che attendono il management di Acquedotto Lucano. Su questi punti la Femca è aperta al dialogo e intende svolgere un ruolo da protagonista per il rilancio di un’azienda che è patrimonio di tutti i lucani”, conclude Carella.

Articoli consigliati

Lascia un commento