«Tutele in movimento», la Fai Cisl sale in camper per fare sindacato di prossimità

Al via la campagna sindacale denominata «Tutele in movimento» promossa dalla Fai Cisl Basilicata per essere ancora più vicina ai lavoratori. La federazione cislina, in collaborazione con la Cisl Basilicata, ha infatti attrezzato un vero e proprio ufficio mobile a bordo di un camper bianco che stazionerà, secondo un calendario prestabilito, nei parcheggi delle aziende dell’industria alimentare e in prossimità dei cantieri della forestazione e dei campi agricoli per offrire svariati servizi ai lavoratori della filiera agroalimentare come la lettura della busta paga, la presentazione della domanda per accedere alle prestazioni dei fondi integrativi sanitari e previdenziali, la domanda di disoccupazione agricola, nonché uno sportello di ascolto per il contrasto al fenomeno del caporalato, anche attraverso il numero verde 800.199.100 «Sos Caporalato», promosso dalla Fai Cisl nazionale per dare ai lavoratori uno strumento in più per denunciare irregolarità e casi di sfruttamento.

«Questo è il nostro modo di interpretare l’idea di sindacato di prossimità, ovvero essere con i nostri operatori dove sono i lavoratori per dare risposte tempestive ai loro bisogni di tutela», spiegano Raffaella Buonaguro, segretaria nazionale e reggente regionale della Fai, e Lorenzo Roesel, sub-reggente della federazione che sottolineano anche «l’importanza di rilanciare gli enti bilaterali agricoli del territorio che possono dare dare risposte importanti anche in termini di gestione trasparente del mercato del lavoro. Con questa campagna offriamo un’opzione in più ai nostri associati integrando la rete delle nostre sedi provinciali e comunali che sono un fondamentale punto di aggregazione sociale, specie nei piccoli comuni delle aree interne», aggiungono Buonaguro e Roesel. Per conoscere il calendario delle tappe è sufficiente rivolgersi al delegato aziendale o di cantiere della Fai Cisl.

Articoli consigliati

Lascia un commento