“Siamo particolarmente soddisfatti del risultato ottenuto nel voto della rappresentanza sindacale presso lo stabilimento Stellantis di Melfi. In termini di consensi siamo cresciuti rispetto al voto del 2018: dal 22,3 per cento al 23,3 per cento. Ci siamo presentati con una squadra nuova, rinnovata, con molti giovani e donne, con onestà e trasparenza, caratterizzata da competenze, capacità e soprattutto con un tratto distintivo prettamente sindacale, carichi di motivazioni ideali e valoriali necessarie per tutelare e rappresentare i lavoratori di Stellantis, dentro i processi di cambiamento che stanno attraversando il gruppo e il settore automotive”. È quanto sostiene il segretario nazionale della Fim Cisl, Ferdinando Uliano.

“I nostri 13 rappresentanti sindacali, insieme a tutta la rete di militanti e attivisti presenti nello stabilimento – aggiunge Uliano – continueranno ad operare con caparbietà e determinazione in fabbrica, in mezzo alla gente per verificare ed avere tutte le certezze che il recente accordo e le scelte future del gruppo diano continuità e sviluppo allo stabilimento di Melfi e soprattutto garanzia di carattere occupazionale e miglioramenti contrattuali ai lavoratori di Stellantis e dell’indotto. Un ringraziamento particolare va alla segreteria regionale e a tutta la squadra della Fim Cisl di Basilicata che, insieme alla confederazione e a tutta la nostra rete di militanti, ha operato quotidianamente con spirito di servizio per i lavoratori e ci ha consentito di raggiungere questo importante risultato”.

“La Fim conferma il suo risultato rispetto alle elezioni precedenti. Un risultato ottenuto grazie al lavoro di squadra”. È il commento a caldo del segretario generale della Fim Cisl Basilicata, Gerardo Evangelista. “Un ringraziamento va a tutti i candidati, ai delegati eletti e a tutte le lavoratrici e ai lavoratori che continuano a premiare la Fim con il loro consenso rinnovando la fiducia nella nostra azione sindacale. Il risultato che abbiamo ottenuto è figlio della chiarezza delle nostre posizioni. Questa tornata elettorale – prosegue il sindacalista – è particolare per effetto della crisi sanitaria, della mancanza dei semiconduttori e per le prospettive legate alla nuova riorganizzazione del gruppo Stellantis. Per questo molto ci sarà da fare per mettere al sicuro il lavoro e i lavoratori”.

Per Evangelista “adesso bisogna lavorare insieme ai lavoratori sugli obiettivi concreti per l’oggi e per il futuro e su come realizzarli garantendo il lavoro e il salario. Una linea di condotta improntata alla serietà e alla trasparenza che i lavoratori di Melfi hanno apprezzato e condiviso tributando alla Fim Cisl un consenso importante. Ora ai nostri delegati, cui va il mio in bocca al lupo, dico: pancia a terra e pedalare perché le sfide che ci aspettano sono tante e difficili. Al momento le dichiarazioni messe in campo ufficialmente dell’azienda vanno seguite per arrivare all’attuazione del lancio dei quattro modelli. Per quanto ci riguarda le priorità sono tre: mettere in sicurezza tutti i lavoratori in questo momento di transizione; portare a Melfi i quattro nuovi modelli previsti per il 2024 per saturare l’impianto e garantire i livelli occupazionali; gestire in maniera socialmente sostenibile la fase di transizione”.