“Crediamo vadano ritrovate soluzioni per agevolare il lavoro degli operatori ecologici. Nonostante la pandemia in corso il personale dell’Acta, la società municipalizzata del Comune di Potenza, ha reso alla città un servizio encomiabile. Purtroppo però si sono ritrovati a dover gestire un conferimento selvaggio dei rifiuti in alcune zone periferiche della città e a dover ripristinare il decoro urbano con non pochi sacrifici”. È quanto riporta in un comunicato stampa la Fit Cisl Basilicata.

“Queste zone prese d’assalto da chi non vuole rispettare le regole per il conferimento della differenziata sono presidiate da telecamere di sicurezza che però, da quanto apprendiamo, non vengono controllate da nessuno o addirittura in alcuni casi sono posizionate in modo sbagliato e non inquadrano le postazioni”.

“Crediamo che il sindaco Guarente e l’assessore Galella debbano attenzionare queste spiacevoli situazioni e pretendere il controllo della video sorveglianza in queste zone, che sono periferiche ma centrali per la città di Potenza. Il Lavoro che l’Acta e gli operai stanno svolgendo con non poche difficoltà e affrontando al fronte il Covid-19, non può essere vanificato da un mancato controllo e dall’inciviltà di qualcuno”.

Nelle imagini che seguono la situazione prima e dopo il passaggio degli operai dell’Acta.